Terapia ragionata della schizofrenia

Riassunto del libro di Cantelmi, De Santis e Scione, che prende in considerazione la principale patologia psicotica, la schizofrenia. Vengono descritti i primi studi sulla patologia, le teorie che nel corso degli anni hanno cercato di spiegarla, gli approcci sia psicologici che farmacologici secondo le diverse scuole di pensiero. Il disturbo psicotico viene ampiamente indagato inoltre nei suoi sintomi, nel substrato biologico, nelle sue caratteristiche, cause, incidenza. Riportati numerosi studi a riguardo.

Per scaricare questo appunto in PDF è necessario essere loggati, se non sei nostro utente registrati!

« Torna alla lista

 

Indice dei contenuti:

  1. Evoluzione del concetto di schizofrenia
  2. Gli autori successivi a Kraepelin
  3. Inquadramento diagnostico delle psicosi schizofreniche
  4. Tipologie di schizofrenia
  5. Sintomi caratteristici della schizofrenia secondo il DSM IV
  6. Indagini diagnostiche sulla schizofrenia
  7. Iter diagnostico per la schizofrenia
  8. Valutazioni prognostiche e strategie terapeutiche per la schizofrenia
  9. Fasi dell’intervento terapeutico per la schizofrenia
  10. La possibilità di recidive della schizofrenia
  11. Interventi possibili in fase prodromica della schizofrenia
  12. Sviluppo cognitivo, livelli di rappresentazione e schizofrenia
  13. Le teoria di Frith e Harvey sulla schizofrenia
  14. Il ruolo della famiglia nella schizofrenia
  15. L’azione dei neurolettici sui sistemi recettoriali
  16. Neurolettici tipici e funzionalità recettoriale
  17. Effetti dovuti all’azione dei neurolettici sui recettori della dopamina
  18. La discinesia tardiva
  19. Neurolettici atipici e funzionalità recettoriale
  20. La clozapina
  21. Altri neurolettici atipici
  22. Psicopatologia dimensionale della schizofrenia e neurolettici atipici
  23. Il modello piramidale della patologia schizofrenica
  24. Schizofrenia e depressione
  25. Implicazioni farmacologiche: i neurolettici atipici
  26. Antipsicotici di prossima immissione in commercio
  27. Linea guida n.1 per il trattamento dell’episodio schizofrenico acuto
  28. Linea guida n.2 per il trattamento dell’episodio schizofrenico acuto
  29. Linea guida n.3 per il trattamento dell’episodio schizofrenico acuto
  30. Linea guida n.4 per il trattamento dell’episodio schizofrenico acuto
  31. Linea guida n.5 per il trattamento dell’episodio schizofrenico acuto
  32. Linea guida n.6 per il trattamento dell’episodio schizofrenico acuto
  33. Linea guida n.7 per il trattamento dell’episodio schizofrenico acuto
  34. Linea guida n.8 per il trattamento dell’episodio schizofrenico acuto
  35. Linea guida n.9 per il trattamento dell’episodio schizofrenico acuto
  36. Le indicazioni per la terapia elettroconvulsivante e le linee guida del comitato nazionale di bioetica
  37. Indicazioni e controindicazioni per la terapia elettroconvulsivante
  38. Dosaggio dei neurolettici tipici nella fase acuta della schizofrenia
  39. Dosaggio ed efficacia dei neurolettici per la schizofrenia
  40. Modelli cognitivi clinici dei disturbi schizofrenici e strategie di intervento
  41. Il modello cognitivo sistemico-processuale per la cura della schizofrenia
  42. Verso una psicopatologia del significato personale. Lo scompenso psicotico
  43. La conoscenza di sé come percorso di maturazione e la schizofrenia
  44. Aspetti metodologici e clinici del percorso di cura della schizofrenia
  45. Considerazioni sull’orientamento psicodinamico nel trattamento dei disturbi psicopatologici gravi
  46. La contrapposizione tra deficit e conflitto nelle teorie sulla schizofrenia
  47. Il modello di Storlorow
  48. L’intervento sulla famiglia e sul contesto di vita nella cura della schizofrenia
  49. La funzione dello psicoterapeuta nella terapia schizofrenica
  50. Diagnosi sistemica alla schizofrenia
  51. Il modello integrato di trattamento delle patologie gravi
  52. I bisogni specifici del paziente psicotico
  53. Atteggiamento nella cura della schizofrenia
  54. La veicolazione dell’intervento sulla schizofrenia
  55. La stanza del delirio
  56. La psicosi come evento multigenerazionale
  57. Interazioni familiari e schizofrenia
  58. La madre schizofrenogena
  59. NPsicosi e psicoterapia
  60. Il rifiuto del trattamento degli psicotici: strategie di gestione
  61. L’atteggiamento del paziente schizofrenico nei confronti del trattamento
  62. La fenomenologia del rifiuto del trattamento dello psicotico
  63. Fattore di induzione al rifiuto del trattamento dello psicotico
  64. Il trattamento del rifiuto del trattamento dello psicotico
  65. L’etica nella gestione del rifiuto del trattamento dello psicotico
  66. Significati e luoghi terapeutici del ricovero dello psicotico
  67. L’istituzione come madre nella cura dello schizofrenico
  68. I percorsi riabilitativi e il corretto uso delle strutture intermedie nella cura alla schizofrenia
  69. Il progetto terapeutico per la schizofrenia
  70. Possibili criteri di ammissione dello schizofrenico ai Centri Diurni
  71. L’approccio psicoeducativo alla schizofrenia
  72. Principali obiettivi dei programmi educazionali per la schizofrenia
  73. L’intervento psicoeducativo integrato in psichiatria
  74. Il trattamento familiare psicoeducativo per la schizofrenia
  75. Il problem solving come strategia di intervento alla schizofrenia
  76. La legge 180
  77. L’approccio integrato alla schiofrenia
  78. I 3 livelli dell’approccio integrato alla schiofrenia
  79. L’apatia: dall’esistenzialismo alla psicopatologia. sinossi
  80. La sindrome di apatia schizofrenica
  81. Caratteristiche della sindrome prefrontale
  82. Clozapina: capostipite dei farmaci atipici caratterizzati da ampi spettri recettoriali
  83. Il risperidone: capostipite dei neurolettici atipici a doppio antagonismo recettoriale - SDA
  84. Altri neurolettici atipici

 

Vuoi approfondire gli argomenti di questo documento?

Dettagli dei contenuti: