Le migliori tesi su... Jean Piaget

"L'evoluzione interna dell’individuo fornisce soltanto un numero piú o meno grande, a seconda delle attitudini ai ciascuno, di abbozzi suscettibili di essere sviluppati, distrutti o lasciati ad uno stadio incompleto. Ma non sono che degli abbozzi, e soltanto le interazioni sociali e educative li trasformeranno in condotte efficaci oppure li distruggeranno per sempre. Il diritto all’educazione è dunque, né piú né meno, il diritto dell’individuo a svilupparsi normalmente, in funzione delle possibilità di cui dispone, e l’obbligo, per la società, di trasformare queste possibilità in realizzazioni effettive e utili".
J. Piaget, Dove va l’educazione?, Armando Editore, 2000


Dal 2000 ad oggi Tesionline ha pubblicato circa 30 tesi sul Padre dell’Epistemologia Genetica e sul suo pensiero, e continua ad aggiornare il proprio database con nuove pubblicazioni.

Jean Piaget, psicologo svizzero, si è dedicato pioneristicamente allo studio sperimentale delle strutture e dei processi cognitivi. Egli considera l’intelligenza come una forma di adattamento biologico, che si costruisce attraverso l’interazione continua tra i processi mentali e l’ambiente fisico e sociale, al quale ciascun individuo cerca di adattarsi. L’individuo nell’ottica di Piaget è dunque un attivo costruttore delle proprie conoscenze; le influenze esterne sono efficaci solo nella misura in cui vengono fatte proprie dall’organismo. A Piaget va il merito degli studi sullo sviluppo dell’intelligenza, che si costruisce attraversando specifiche tappe.

Proponiamo una presentazione delle migliori tesi che hanno affrontato il personaggio Piaget da diverse angolazioni, facendone oggetto di studio e di approfondimento, o prendendo in considerazione il suo pensiero nell'interpretazione di svariati aspetti della vita.


Immagine tratta da http://www.knill.com

di Mariolina Gaggianesi [Leggi i suoi articoli »]

Tesi Correlate

  • Il vissuto religioso dalla nascita alla preadolescenza

    Giovanna Colangeli propone nella sua tesi di laurea un’analisi di un particolare aspetto dello sviluppo infantile: quello legato al vissuto religioso. L’autrice mette a confronto Freud e Piaget, che si occuparono ampiamente di studiare la religiosità dei bambini e dei ragazzi. Interessanti le conclusioni, che ampliando criticamente la visione dei classici, propongono di valutare l’interazione di fattori...»

  • Sviluppo morale e dominanza sociale

    Uno degli aspetti studiati da Piaget, nell’approfondire lo sviluppo cognitivo, è stato quello della morale. Come si introiettano norme e regole sociali? Non solo grazie alla memorizzazione passiva di norme e regole, ma anche grazie al confronto sociale con gli altri. Quali sono i passaggi per l’acquisizione di un giudizio morale? E quali gli intrecci che lo sviluppo della moralità ha con la dominanza...»

  • Pensiero simbolico e linguaggio metaforico

    La tesi di Patrizia Del Chicca Pensiero simbolico e linguaggio metaforico , prende avvio dalle teorie di Piaget e di Vygotskij sulla relazione tra pensiero e linguaggio per esplorare un aspetto molto affascinante dello sviluppo mentale: quello legato al gioco simbolico inteso come metafora del reale. “Facciamo finta che…” implica la capacità di immaginare l’irrealtà e consente al bambino di conoscere...»

  • Oltre Babele. Aspetti cognitivi, linguistici ed emotivi del bilinguismo

    Lo sapevate? Più della metà della popolazione mondiale è bilingue. Lo afferma Agata Gallo nella sua tesi, che si occupa di un fenomeno la cui portata è spesso sottovaluta. La tesi si propone di fornire un sintetico excursus della letteratura sull’argomento da un punto di vista cognitivo, neurobiologico, psicoanalitico e sociale. Non mancano le teorie di Piaget, che affiancano altri studiosi che si...»

  • L'osservazione infantile in Piaget e Freud

    L'osservazione infantile ha senza dubbio portato un grande contributo allo sviluppo della psicologia: come evidenziato nella tesi di Laura Centola Hans e Lev: lo sviluppo infantile in Freud e Piaget i due padri della psicologia hanno attinto proprio dal contatto con bambini in carne ed ossa le basi per dei concetti basilari nelle rispettive teorie: Hans ha portato la riprova, per Freud del complesso...»

Condividi questa pagina