Jung e l’Alchimia

Jung fu psichiatra, psicoanalista, antropologo e astrologo. Ma anche alchimista, come rivela la tesi di Antonio D'Alonzo. L’alchimia, come scrive l'autore, "fornisce a Jung le basi storiche su cui strutturare le proprie ipotesi di lavoro e le prefigurazioni letterarie dell’esperienza interiore maturata durante la giovinezza e nel primo periodo freudiano. Il grande studioso si dedicò ad uno studio approfondito degli scritti di Paracelso, ma fu soprattutto attratto dalla figura di Zosimo di Panopoli (III-IV d.C.). Ciò che lo affascinò nei trattati dell'antico alchimista fu "probabilmente, l’aspetto visionario dell’opera, sono state le proiezioni oniriche sull’oggettività della materia, percepita dagli alchimisti come sostanzialità intrinseca e non come mera risultante delle dinamiche del processo inconscio d’individuazione. L’alchimia, secondo Jung, compensa, integra, ricongiunge la lacerante scissione del corpo dell’uomo moderno con il Regno della Natura, riuscendo ad armonizzare nell’Uno la dicotomia del soggetto e dell’oggetto, dell’osservatore e del fenomeno.
Jung avrebbe dunque il merito di aver ridestato interesse in una disciplina millenaria ormai sorpassata dalle evidenze empiriche della scienza del novecento.
Scrive Marco D'Aonzo: "Jung ha dimostrato come nel simbolismo alchemico non solo si cela un senso compiuto, ma anche che tutte le operazioni astruse e bislacche degli alchimisti ineriscono all’evoluzione ed alla completezza interiore. Gli alchimisti, dunque, non erano allora molto diversi dai moderni e le loro ricerche riproducevano sul piano simbolico le istanze dell’uomo contemporaneo. Non solo. Il simbolismo alchemico era presente nel contenuto dei sogni di molti pazienti affetti da nevrosi, e conoscerlo significava accelerare il processo terapeutico. Jung fu il primo a capire che il lapis philosophorum, l’oscura pietra ricercata incessantemente dagli alchimisti, non era altro che il Sé, il processo dinamico delle interrelazione tra la coscienza e l’inconscio. Jung fu il primo a percepire che, dietro alla molteplicità dei contenuti e alla polisemia simbolica degli scritti alchemici, il messaggio era univoco ed universale, poiché parlava all’uomo di tutte le epoche e condizioni.

Jung e l’Alchimia: una interpretazione simbolica della vita e dell’opera di Zosimo di Panopoli

Condividi questa pagina